Schumi non può

Schumachernontornainpista110809Nulla da fare per il vecchio Schumacher, l’età si fa sentire anche per gli sportivi. Così svanisce il sogno di rivederlo in pista per il Gran Premio di Europa, in programma fra due settimane a Valencia. Il pilota tedesco aveva accettato, dopo il terribile incidente di Felipe Massa, di prendere il suo posto alla guida della Ferrari, ma prima doveva fare tutte le prove tecniche e fisiche.

I tifosi si erano emozionati all’idea di vedere il pilota che per tanti anni era stato alla guida delle auto della casa di Maranello tornare in pista. Michael aveva detto subito sì a Montezemolo il 29 luglio alla proposta di tornare nel piccolo abitacolo della monoposto. Così erano arrivate le prime prove, ma quella decisiva sarebbe stata oggi con la vecchia Ferrari. E invece i problemi al collo che l’ex pilota tedesco si trascina da quest’inverno, dopo un incidente in moto, non gli hanno lasciato scelta. “Purtroppo non siamo riusciti a risolvere il problema del dolore al collo che si è presentato dopo le prove del Mugello – ha annunciato Schumi – nonostante abbiamo provato tutto il possibile dal punto di vista medico e terapeutico”.
Dal suo sito ufficiale Michael scrive a cuore aperto ai suoi tifosi raccontandogli di essere profondamente dispiaciuto per il team Ferrari e per tutti i fan che avevano incrociato le dita per lui. “Posso solo dire che ho provato tutto quello che era nelle mie possibilità. Tutto quello che ora posso fare è incrociare le dita per l’intero team per le prossime gare”.

Al suo posto ora ci sarà Luca Badoer, uno dei due collaudatori della Ferrari che, dopo aver lavorato dal 2000 come collaudatore della scuderia di Maranello, tornerà nuovamente in pista dopo 10 anni dall’ultima stagione di corse alla guida della Minardi.
Certo Schumacher sarebbe stato garanzia di maggior pubblico, avrebbe fatto ritornare molti appassionati a seguire la Formula 1, rivoluzionata negli ultimi anni con molte regole nuove, ma è anche vero che Badoer potrebbe portare molti curiosi a guardare di nuovo il Gran Premio. Ed è certo che per Felipe Massa la rinuncia di Schumacher sarà stata quasi un sollievo. Perché ritornare al volante dopo di lui sarebbe stato molto più complicato.  

Le reazioni alla rinuncia di Schumacher

Marianna Lepore

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>