Benvenuti in un paese disumano

siamo tutti clandestini

Il decreto sicurezza che rende i clandestini automaticamente criminali riceve forti critiche dalla Chiesa cattolica. L’Avvenire, il quotidiano dei vescovi, parla di misure punitive e in qualche caso addirittura persecutorie, nell’impedire di fatto ai clandestini di riconoscere i figli, sposarsi, andare a scuola, avere cure mediche e protezione da parte delle forze dell’ordine. ll governo sostiene che i critici, come gli intellettuali italiani che hanno lanciato un appello contro il ritorno delle leggi razziali, non hanno letto bene il testo. 

Ma le critiche vengono fatte proprio sulla base di un testo che assimila per legge i clandestini ai criminali, come già da tempo si è fatto sui mezzi d’informazione, in stragrande maggioranza controllati da Berlusconi. Un’enorme falsità, perché il 90% dei clandestini è tale solo perché lavora in nero e una grossa parte di loro è anche arrivata regolarmente in Italia, ma poi ha perso il lavoro.
Il restante 10% non è comunque composto da pericolosissimi e feroci criminali, la stragrande maggioranza ha commesso solo piccoli reati, come minimo spaccio di droga, furti di lieve entità, vendita di oggetti falsi. E poi ci sono le prostitute straniere, in gran parte vittime della tratta di esseri umani, sfruttate sia da chi le mette sulla strada sia dagli italiani che le pagano per il sesso, che ora, ancora più di prima, avranno paura di denunciare gli sfruttatori e finire in carcere. Il senso di questo capolavoro è criminalizzare 99 innocenti per colpire 1 criminale davvero pericoloso. Il quale però vive già nell’illegalità e quindi se ne sbatte di essere dichiarato ufficialmente un criminale. Se lo prendono dovrà comunque rispondere dei reati che ha commesso più che di quello di clandestinità. 
Ma ovviamente il decreto non ha niente a che fare con la sicurezza, solo con la finzione della sicurezza. Per una reale sicurezza bisognerebbe finanziare la polizia invece che tagliargli i fondi, rendere la giustizia più efficiente invece che tentare di distuggerla, affrontare il problema delle carceri che stanno scoppiando, colpire solo i veri criminali e non a caso nel mucchio
Il decreto invece è un provvedimento inutile e razzista
Questi sono i motivi per cui tutti gli organismi internazionali e le associazioni che si occupano di diritti umani lo hanno già censurato. L’Ilo, l’organizzazione dell’Onu che si occupa di lavoro, ha già richiamato l’Italia a marzo per mancato rispetto della convenzione internazionale che protegge i lavoratori stranieri, convenzione che l’Italia ha firmato. Presto arriverà un altro richiamo ancora più severo
L’Unione Europea esaminerà la legge, ma il commissario alla giustizia Jacques Barrot ha già dichiarato che “regole di espulsione automatica per intere categorie sono inaccettabili“. Espulsioni di massa che comunque non verranno mai attuate, perché praticamente impossibili da attuare, a parte la follia sociale di espellere decine di migliaia di badanti che hanno come unica colpa quella di aver accettato di lavorare in nero per gli anziani italiani che non possono permettersi il costo di regolarizzarle. 
L’associazione Everyone parla di potenziale tragedia umanitaria, perché gli immigrati già ora non vanno più negli ospedali per paura di essere denunciati: questo potrebbe causare il diffondersi di malattie pericolose e mortali, come la tubercolosi, anche nella popolazione italiana. Per non parlare di tante altre malattie anche peggiori, come la nuova influenza e il virus Ebola
Amnesty International ha diramato un comunicato in cui si dice che il decreto compromette i diritti umani dei migranti, oltre a non trovare nessuna misura alternativa alla detenzione nei Centri di Identificazione Temporanea (che ora sono sempre meno temporanei visto che ci si può stare fino a sei mesi e poi di fatto anche di più). 
L’associazione internazionale Human Rights Watch fa notare che questa legge non risolve realmente alcun problema dell’immigrazione e promuove semplicemente l’intolleranza verso persone che vivono già una vita molto difficile. Critiche anche verso le ronde, che in un simile clima sono “una ricetta per il disastro”. L’associazione precisa poi che i respingimenti in Libia e l’aggravante della clandestinità nella punizione dei reati costituiscono violazioni delle leggi internazionali sui rifugiati e sui diritti umani
Ma il governo va avanti per la sua strada, incurante di ogni richiamo al buonsenso e alla realtà delle cose. La propaganda razzista ha portato voti alla Lega e a Berlusconi e i suoi elettori evidentemente non si rendono conto che la propaganda non li renderà davvero più sicuri. Renderà solo questo paese sempre più disumano

Francesco Defferrari

 
La colossale menzogna, non è affatto vero che l’immigrazione aumenta il crimine  

Io non respingo, la campagna contro i respingimenti in Libia
Che razza di cristiani sono, perché troppi cattolici italiani appoggiano l’inumana politica dei respingimenti
Prendersela con i più deboli, gli immigrati dei barconi usati come capri espiatori di tutti i problemi italiani
Sono tutti contenti, lo scandalo dei respingimenti in Libia 
Criminali, l’inefficacia della criminalizzazione della clandestinità

Appelllo contro il ritorno delle leggi razziali in Europa, di Camilleri, Tabucchi, Maraini, Fo, Rame, Ovadia, Scaparro, Amelio
La storia di Nabruka Mimuni, morta di leggi razziali dal blog Femminismo a Sud

 
  

  

     

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>