Prendersela con i più deboli

clandestini

Prendersela con i più deboli è respingere in Libia uomini, donne e bambini che fuggono dalla guerra e dalla fame e che hanno attraversato l’inferno per tentare di arrivare in Europa e chiedere asilo. Prendersela con i più deboli è rendere impossibile alle donne clandestine riconoscere i propri figli, che quindi diventano adottabili. 

Prendersela con i più deboli è impedire di fatto ai clandestini di andare in ospedale o mandare i figli a scuola, perché medici e presidi non hanno l’obbligo di denuncia, ma possono farlo. Prendersela con i più deboli è multare fino a 10.000 euro i clandestini, che se sono tali evidentemente sono anche senza lavoro o con un lavoro da schiavo. Prendersela con i più deboli è impedire al clandestino di mandare soldi alle proprie famiglie con l’obbligo di denuncia per le agenzie di trasferimento di denaro. Prendersela con i più deboli è la schedatura dei senzatetto. 
Prendersela con i più deboli era già la legge Bossi-Fini, che rende molto facile diventare clandestino appena si perde il lavoro, ma la criminalizzazione è ancora peggio. Prendersela con i più deboli è un modo per distrarre gli italiani da quelli che sono i veri problemi dell’Italia. La criminalità organizzata, gli imbrogli della grande finanza responsabili della crisi, la disoccupazione e il precariato ormai strutturali.
E’ becera propaganda perché l’Italia è già multietnica e l’immigrazione non si può fermare, ma solo regolare con l’integrazione e l’accoglienza. E’ disinformazione perché i clandestini che delinquono lo fanno su reclutamento e mandato della criminalità organizzata italiana, che ha in mano il traffico di droga, i racket della prostituzione e la ricettazione. E l’unico antidoto alla criminalità sarebbe l’integrazione, non la criminalizzazione. E’ sfrontato populismo perché queste norme sono semplicemente inefficaci. Dichiarare criminali migliaia di clandestini non significa che si riuscirà a mandarli tutti nei loro paesi d’origine, né che si voglia veramente farlo. 
Ma prendersela con i più deboli, soprattutto, è da vigliacchi.    

Francesco Defferrari

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>