Santa alleanza

Berlusconi con il PapaLa Chiesa cattolica e la destra hanno tanto in comune e trovano sempre il modo per mettersi d’accordo, nonostante qualche occasionale litigio come accade in tutte le coppie che stanno insieme da tantissimi anni. Oggi soprattutto si rendono conto di avere in comune una bella dose di scandali sessuali, la pedofilia nel clero cattolico e le escort e le veline del presidente del consiglio. Questa rinnovata coscienza ha spinto la chiesa ad appoggiare i governatori di destra alle elezioni regionali, e questi ultimi non hanno perso tempo per pagare pegno.

I nei eletti governatori leghisti Cota e Zaia, in Piemonte e Veneto, si sono subito lanciati in un attacco contro la pillola abortiva RU486. La Polverini nel Lazio farà sicuramente tutto il possibile per favorire la chiesa nella sanità regionale e “difendere la vita”. Il ministro della Giustizia Alfano addirittura ha mandato gli ispettori alla procura di Milano per intimidire il pm Forno, che aveva osato dichiarare al Giornale di Berlusconi che la chiesa non collabora affatto nel denunciare e perseguire i reati di pedofilia commessi da sacerdoti. I due leghisti hanno dovuto in parte fare marcia indietro, visto che le regioni non hanno competenza in materia di pillola abortiva e devono rispettare le decisioni in merito prese dall’Europa e dall’agenzia del farmaco. Ma comunque tutti questi avvenimenti inaugurano la nuova santa alleanza tra la chiesa e la destra, un grande amore incrinato negli ultimi anni dalle leggi razziali della Lega contro gli immigrati, quanto di più anti cristiano si possa concepire, e dai comportamenti libertini del premier. Ma ora per la chiesa il controllo berlusconiano dell’informazione è una manna dal cielo, indispensabile per censurare e nascondere il gigantesco scandalo dei preti pedofili.
Quindi ogni contrasto è stato dimenticato e ora le due grandi forze reazionarie d’Italia sono di nuovo unite nella solita ipocrisia: intimare ai cittadini i buoni comportamenti morali (quelli decisi da loro) mentre continuano a fare quello che vogliono dentro i loro sepolcri imbiancati. Certo se in Italia ci fossero sinceri cristiani sarebbero scandalizzati dal vedere la chiesa dell’amore e il partito dell’amore che si preoccupano poco o niente di ingiustizie sociali, disoccupazione, inquinamento e razzismo mentre fanno di tutto per negare di fatto alle donne il diritto di scegliere liberamente del proprio corpo e dei propri figli. Ma ovviamente la chiesa sa bene, dopo secoli di esperienza, che i sinceri cristiani sono soltanto una minoranza insignificante. 

Francesco Defferrari

 Ordina libri su Ibs e sostieni il sito!

     

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>