Il giorno e la notte

Obama e Berlusconi

Il giorno sono gli Stati Uniti di oggi, dove c’è un presidente, Barack Obama, determinato ad aiutare il suo paese a superare la crisi, dare impulso alle energie rinnovabili, cambiare le cose, che ringrazia i giornalisti per il loro lavoro, essenziale per la tenuta della democrazia, e offre alla stampa il suo ringraziamento e il suo supporto. 

La notte è l’Italia di oggi, dove abbiamo un presidente del consiglio che non fa che lamentarsi di come la stampa ce l’abbia con lui e cerca in tutti i modi di limitare la libertà d’informazione, anche se la metà di essa è sul suo libro paga e gran parte dell’altra metà non osa ricordare agli italiani che è un ex membro della P2, ricchissimo ma senza che si sappia esattamente da dove sia venuto il denaro che lo ha reso tale, plurinquisito e per questo motivo nemico della magistratura, delegittimato da un gravissimo conflitto di interessi, incapace in questo come nei suoi precedenti governi di fare qualsiasi cosa minimamente utile per risolvere i problemi del paese. 
Inoltre ci sono fondati sospetti che abbia ripetutamente tradito la moglie con giovani ragazze che supponiamo affascinate più dalla sua ricchezza e dal suo potere che dalla sua simpatia e bellezza. 
Si, il giornalismo italiano brancola nel buio. E la notte non finirà mai se gli italiani non si svegliano.

Francesco Defferrari

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>