L’analisi della stampa estera sulle elezioni

Giornalistranieri_commentiballottaggiLe vittorie di Giuliano Pisapia a Milano e di Luigi De Magistris a Napoli sono il segnale della crisi del berlusconismo? È quello che si chiedono quasi tutti i giornali stranieri commentando i risultati elettorali dei ballottaggi alle amministrative italiane. I quotidiani esteri sono tutti concordi nel definire questa sconfitta come l’apertura di un nuovo scenario politico.

Una sconfitta che indebolisce ulteriormente il premier Silvio Berlusconi, che è stato assediato da un crescente dissenso all’interno della sua maggioranza e che è alle prese con delle accuse penali nei tribunali, scrive il NY Times. Anche l’inglese Telegraph parla di una sconfitta umiliante e ricorda ai suoi lettori che questa disfatta arriva proprio alla vigilia del processo, oggi, in cui il premier è accusato di abuso di ufficio e di aver pagato per fare sesso con una prostituta minorenne.
Tutti i quotidiani stranieri ricordano ai loro lettori che il premier aveva deciso, nelle ultime settimane, di trasformare questa campagna elettorale in un referendum sulla sua persona: motivo per cui il linguaggio era diventato sempre più aggressivo con continui attacchi verso i giudici. Secondo il Guardian è stato un disastroso errore di giudizio, così come sarebbero stati sbagliati gli slogan razzisti e control’Islam. James Walston, docente presso l’Università Americana di Roma, ha dichiarato al Guardian che questo atteggiamento del premier potrebbe avere un impatto di lungo termine sulle relazioni interraziali e interreligiose nel nostro Paese. “Questo tipo di linguaggio è stato usato dal primo ministro, non da un maniaco neo-fascista ai margini” e ha aggiunto che ora “Sarà difficile riportare il linguaggio politico italiano a dei livelli accettabili per gli standard europei”. Il resto del mondo, infatti, ricorda ancora in modo limpido lo scandalo del “bunga bunga” e addirittura El Pais è convinto che, proprio a Milano, anche questo abbia inciso sulla scelta di chi votare come nuovo sindaco. Pisapia, sottolinea il quotidiano, ha promesso che il 50% della sua giunta sarà composto da donne e già questa è stata vista come una grande notizia. Il giornalista Miguel Mora è esplicito nel suo articolo: Un lungo ciclo politico comincia a morire in Italia. Le urne hanno parlato e il messaggio è uno tsunami di speranza e di cambiamento democratico che ha colpito seriamente Silvio Berlusconi.
Ma è proprio la perdita di una città simbolo per il berlusconismo come Milano che tutti i siti web stranieri mettono in evidenza. Liberation parla del voto a Milano come di un test nazionale per Berlusconi, la CNN definisce la giornata di ieri come “il secondo round del processo”, in cui il primo round è arrivato il 14 e 15 maggio con lo shock dei risultati milanesi.
E quasi tutti si chiedono ora che cosa succederà. El Mundo scrive che questa sconfitta avrà “senza dubbio un impatto sulla politica nazionale” ed è l’inglese Telegraph a ricordare che da oggi i rapporti con la Lega Nord, altra grande sconfitta di queste elezioni, creeranno sempre più tensioni all’interno del Parlamento italiano.

Marianna Lepore

 
Ordina libri, cd, dvd su Ibs e sostieni il sito

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>