La truffa più grande è stata punita

Madoffcondannacarcere290609In Italia, forse, non sarebbe successo. O, comunque, la sentenza sarebbe arrivata dopo molti anni di indagine e processi. In America, invece, Bernard Madoff è stato condannato oggi pomeriggio, dopo un processo lampo, a 150 anni di carcere per una delle più grandi truffe della storia.

Madoff si è dichiarato colpevole di tutte le 11 imputazioni emerse da uno dei più grossi scandali della storia di Wall Street: le somme da lui frodate ammontano a 65 miliardi di dollari (quasi 46 miliardi di euro). Per lui si apriranno, dunque, le porte del carcere e tutti i suoi beni saranno messi all’asta per cercare di ripianare parte degli ingenti debiti che lascia.
Prima della sentenza il finanziere ha chiesto scusa, ma le sue scuse non sono state prese in considerazione dopo le testimonianze toccanti di questi mesi dei tanti che, grazie a lui, hanno perso tutto. “Un crimine straordinariamente diabolico” l’ha definito il giudice Denny Chin, precisando che “il simbolismo della sentenza è importante perché attraverso questa si invierà un messaggio” ai tanti uomini d’affari senza scrupoli che girano per la città.

Una sentenza significativa, sopratutto ora che l’America cerca di riprendersi da una forte crisi economica dovuta anche alla gestione del denaro poco limpida di tanti finanzieri come Madoff. Aveva iniziato nel 1995 con la sua attività privata promettendo tassi di interesse alti e sicuri (circa il 10%). Che puntualmente pagava, ma non perché il denaro venisse accortamente investito, ma soltanto perché arrivava denaro fresco da nuovi clienti.
Lui diventava sempre più ricco, mentre la gente intorno diventava sempre più povera. Certo, alla fine era pentito, ma ha potuto comunque godere gli ultimi mesi di arresti domiciliari nella sua villa di lusso a Manhattan, del valore di 7 milioni di dollari. Ora le sue ville (Palm Beach, Florida, Long Island) saranno messe all’asta, ma sarà la moglie Ruth a rimanere senza casa. Ignara, come i figli, di quello che l’intraprendente Madoff stesse combinando.
“La cella deve diventare la sua bara” aveva detto uno degli investitori truffati durante il processo ed è certo che sarà così. Diversa sarà invece la sorte dei suoi debiti. La truffa portata avanti dalla sua Bernard Madoff Investement Securities ha rappresentato uno dei capitoli più drammatici della crisi economica che ha colpito gli Stati Uniti lo scorso inverno.
Circondato dai suoi avvocati, con abito scuro e camicia bianca, l’ex finanziere ha ascoltato la sentenza in silenzio prima di tornare nella cella al Metropolitan Correctional Center dove aspetterà di sapere in quale carcere sconterà la sua pena. Stanotte, però, i tanti piccoli investitori che con i suoi giochi di prestigio hanno perso quasi tutto, potranno chiudere occhio. Forse i loro debiti non riusciranno ad essere ripianati dalla vendita dei beni di Madoff, ma è certo che una volta tanto chi ha sbagliato, pagherà.

Madoff sentenced to 150 years for Ponzi scheme by Jack Healy dal NYTimes 

Marianna Lepore

 


 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>