Offline

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Tele-visions L'ultimo volo di Pietro, o' guerriero

L'ultimo volo di Pietro, o' guerriero

E-mail Print
User Rating: / 10
PoorBest 
There are no translations available.

PietroTariconeIn dieci anni di reality italiani era stata sicuramente la figura migliore uscita dal Grande Fratello. Pietro Taricone era conosciuto con il suo nome e cognome, lusso concesso a pochi superstiti del reality. Una volta uscito dalla “casa” aveva deciso di concedersi a pochi studiati eventi facendo crescere sempre di più la curiosità nei suoi confronti. ‘O guerriero, come si era auto soprannominato durante il reality, non è riuscito a vincere la battaglia più importante e ieri è morto dopo un atterraggio mal riuscito con il paracadute.
Stava partecipando a un corso per la sicurezza di paracadutismo, uno sport che praticava da tempo. Doveva virare a cento metri da terra e poi frenare per atterrare in piedi, ma nessuno sa spiegare perché ha girato a soli 20 metri da terra, sbattendo irrimediabilmente a tutta velocità contro il suolo.
Le sue condizioni erano state subito definite gravissime e Taricone era stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Terni. Nove ore di intervento, però, non sono servite a nulla e Pietro Taricone è morto questa notte alle due nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Terni.
Il suo cognome era diventato così importante, subito dopo la partecipazione al Grande Fratello, da diventare l’emblema di un personaggio.
Dal circo mediatico dei reality aveva provato a salvarsi ma forse proprio il suo rifiuto di rimanere dentro alla solita parte non era stato gradito dal grande pubblico. Chiuse le porte della casa aveva deciso di non continuare la via crucis delle ospitate televisive, come i suoi compagni, e non aveva mai voluto parlare della scandalosa, per l’epoca, relazione consumata con la vincitrice di quell’edizione, Cristina Plevani.
Pietro voleva fare l’attore, così dopo un calendario andato a ruba e pochissime comparsate in televisione, scomparve dalle telecamere e andò a scuola di recitazione. Poi le prime apparizioni sui set: Distretto di Polizia 3 e i film Ricordati di me diretto da Gabriele Muccino e Radio West di Alessandro Valori. Proprio durante le riprese di questo film aveva conosciuto l’attrice polacca Kasia Smutniak, la sua compagna fino alla fine. Perché con Kasia, da cui aveva avuto una bambina, Sophie, condivideva anche la passione per il volo e lei ha assistito in diretta a questo terribile schianto.

Il pubblico voleva indietro il guerriero e nonostante le partecipazioni di Pietro Taricone a Codice rosso, a La nuova squadra, le parti al cinema o in teatro, continuava a seguirlo solo per rivedere quel personaggio. Forse per questo aveva avuto successo nella serie Tutti pazzi per amore, nei panni di Ermanno Russo. Perché la spavalderia del personaggio sembrava ricordare quella del ragazzo venticinquenne del reality.
Qualche anno dopo il Grande Fratello, Pietro Taricone avanzò una proposta che sembrò paradossale. Durante un talk show, propose di creare apposite strutture di riabilitazione per i concorrenti dei reality, finanziate dai grandi network e destinate a offrire una seconda possibilità alle vittime della tv, restituendole, per quanto possibile, alla vita normale da cui provengono.
Pietro Taricone quella vita normale l’ha inseguita fino all’ultimo. Alla fine, però, con il suo schianto al terreno da vero “guerriero”, l’uomo si è mescolato ancora una volta con il personaggio. Ma il lieto fine, questa volta, non c’è stato.

Marianna Lepore


Ordina libri, cd, dvd su Ibs e sostieni il sito


Comments

Please login to post comments or replies.
Last Updated on Tuesday, 29 June 2010 11:49  
Add Site to FavoritesAdd Page to FavoritesMake HomepagePrint This PageShare This PageSave Page as PDFEmail This Page

It's worth living for

Echoes from the web

Register

Register to submit articles, links and subjects to the site

What do you think

Journalist Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Who's online

We have 28 guests online