Guarda chi si sente … a Salerno

Università, radio, web. Tre elementi che, messi insieme, danno vita a uno dei più interessanti fenomeni multimediali degli ultimi anni: le web radio universitarie. Realtà ancora poche conosciute al di fuori degli atenei, ma protagoniste, da un capo all’altro della penisola, di una vera e propria rivoluzione dal punto di vista della partecipazione degli studenti alla vita universitaria. Da ieri le 34 radio d’ateneo che fanno parte del circuito RadUni (Operatori Radiofonici Universitari) sono a Salerno per la terza edizione del Fru, il Festival delle Radio Universitarie, che ha scelto come slogan il claim “Guarda chi si sente”.

Per tre giorni il campus di Fisciano – sede dell’università cittadina –  diventa un polo d’attrazione per studenti, addetti ai lavori e appassionati, provenienti da tutta Italia: da Trento a Catania, da Torino a Venezia, da Cagliari a Bari, passando per Napoli, Padova e Roma. Del resto l’università di Salerno è sede di Unis@und, una delle web radio universitarie italiane più dinamiche. Nata con l’obiettivo di dotare la comunità universitaria di un mezzo di comunicazione vivace e cretivo, Unis@und Webradio ha iniziato la sua programmazione regolare il 10 settembre 2007 e, fin dalle prime fasi del progetto, ha raccolto centinaia di adesioni da parte degli studenti, che hanno dato vita a un folto gruppo di volontari.

Per il Fru arriveranno a ‘supportare’ i colleghi salernitani, oltre 100 speaker provenienti da 34 atenei italiani. In programma convegni, seminari, dirette radiofoniche con la partecipazione di Radio Dee Jay e Rai. Particolarmente ricco il calendario di domani, che prevede collegamenti via Internet con Max Gazzé e Subsonica, dalle 16 alle 17.30. Per il gran finale l’evento si sposterà dalla collina di Fisciano al centro di storico di Salerno, al tempio di Pomona, che ospiterà in serata il Fru Contest 2009, competizione tra band emergenti che ormai è diventata una tradizione per il Festival. Cinque i finalisti ad esibirsi, scelti dopo un’accurata selezione: Doppiopasso, Hype, The Junction, Labirinto 27, UnderScore. Per chi non può seguire l’evento dal vivo, basta collegarsi al sito di Unis@und, che seguirà in diretta tutte le fasi del Festival.

 
Letizia Cavallaro

{sharethis}

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>