Valzer con Bashir

Valzer con Bashir poster

E’ un cartone animato in apparenza, ma in realtà si tratta di un durissimo documentario del regista israeliano Ari Folman sulla guerra in Libano del 1982, a cui lui partecipò, e sul terribile episodio del massacro di Sabra e Shatila. Il titolo Valzer con Bashir si riferisce a uno degli episodi narrati nel film, un soldato israeliano che comincia a sparare contro i cecchini muovendosi come in un valzer sotto il gigantesco poster del presidente libanese assassinato, Bashir Gemayel

Proprio l’assassinio di Gemayel, attribuito a militanti palestinesi, scatenò la terribile vendetta dei cristiani maroniti libanesi contro il campo profughi di Sabra e Shatila. Un massacro di migliiaia di uomini, donne e bambini compiuto sotto gli occhi dell’esercito israeliano, che non fece nulla per fermarlo. 
Nel corso del documentario diversi personaggi, soldati e un famoso giornalista israeliano, il primo a entrare nel campo dopo l’eccidio e a testimoniare quello che era accaduto, raccontano la loro personale guerra in Libano. Si tratta di storie vere e di persone reali, come vera è la storia del registra che all’inizio non riesce a ricordare quasi nulla della sua passata esperienza in guerra, sebbene le immagini siano state trasformate in disegni.
Questa tecnica serve principalmente per raccontare visivamente le storie, ma ha anche un terribile effetto drammatico quando nel finale le immagini del realistico cartone animato diventano quelle reali delle persone assassinate nel campo. Applaudito dai critici di tutto il mondo il film è stato vietato in Libano e in molte nazioni arabe e ha suscitato resistenze in Israele perché il regista traccia un parallelo, del tutto legittimo vista la drammaticità degli eventi, tra il massacro nel campo profughi e le stragi naziste. Dopo una serie di viaggi per ricordare tutto quello che ha visto durante la guerra Folman in effetti comprende infatti che il motivo per cui lui stesso e l’intera Israele rifiutano il ricordo del massacro è che in quella occasione i soldati israeliani permisero che fosse compiuto un eccidio del tutto simile a quelli compiuti dai nazisti in Europa contro gli ebrei e contro la popolazione civile dei paesi occupati. 
Valzer con Bashir è la triste, cruda e onesta analisi di una guerra sanguinosa, in cui i giovani soldati si trovano di fronte alla morte e alla violenza completamente impreparati a quello che avrebbero visto e compiuto. E così bisogna dire che pochi film e documentari sono riusciti a rendere chiaro come questo che non è possibile trovare qualcosa di giusto e accettabile nella guerra. 

Francesco Defferrari

 
 {youtube}IHfGrxtm4jo{/youtube}


Ordina libri, cd, dvd su Ibs e sostieni il sito

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>